N° 26 - Isotta Fraschini 8C


Dopo la descrizione della storia della Isotta Frascini, dei personaggi che si sono avvicendati  e delle vicende finanziarie si arriva  al salvataggio dell’azienda da parte del Gruppo Caproni .  Riparte il progetto della Monterosa intrapreso da Luigi Fabio Rapi, durante il periodo della guerra perché si prevedeva, alla vicina fine delle ostilità, la necessità della conversione a lavorazioni civili. Il precedente della Tatra fece pensare ad un motore sempre a 8 cilindri ma in posizione posteriore..  Per realizzare la Monterosa le scelte, il tipo di motore, i pesi, la potenza necessaria, gli ingombri interni ed esterni richiesero  molto tempo.  Restava da stabilire come fabbricare il telaio quindi la nascita e lo sviluppo di questa serie di nuove grandi vetture occupa parecchie pagine. Seguono le avventure occorse durante il collaudo di queste automobili. La commessa alla Touring fu di una berlina a quattro porte e di un coupè, ambedue di colore nero.  Si pensò anche ad una eventuale partecipazione alla Mille Miglia perchè era la corsa più pubblicizzata.