N° 28 - Autobianchi Primula


Il Quaderno inizia con una breve narrazione della storia avventurosa della Bianchi. In campo automobilistico l’Autobianchi aveva in produzione la Bianchina, con l’aggiunta, nel 1965 della Stellina con carrozzeria in vetroresina.  Nel frattempo, 1964, nasce la Primula con l’Autobianchi già entrata nell’orbita Fiat, motore trasversale e trazione anteriore, la prima vettura di progettazione italiana a trazione anteriore. In Inghilterra esisteva la Mini già dal1959.  In effetti la scelta di produrre la Primula presso l’Autobianchi di Desio anziché a Torino, era dettata dal timore che un eventuale insuccesso della trazione anteriore ricadesse sulla Fiat. La Fiat in passato aveva avuto problemi quando provò per la prima volta una trazione anteriore e la Topolino, nata per la trazione anteriore, entrò in produzione con motore anteriore in linea e trasmissione posteriore classica. La Primula invece funzionò benissimo e la Touring presentò la Primula coupè con uno stile innovativo come ben illustrato dalle fotografie.